Lingua preferita

User Functions

FACEBULL

Durata: 
60-90 min
Argomenti affrontati : 
Comunicazione
L'inclusione sociale
Peer Education

FACEBULL è un gioco di ruolo che simula il funzionamento di uno dei principali socialnetwork, Facebook, appunto, con il tentativo di far emergere alcune dinamiche proprie di alcune forme di violenza in rete.

Finalità: 

Facebull vuole essere invece un modo per mostrare e comprendere insieme la natura dei social network, nello specifico di facebook, e come tutto quello che pubblichiamo sui social diventa viene assorbito nel mondo virtuale, alla mercè di persone che ne possono disporre come meglio credono. Cyberbulli, istigatori, faker possono facilmente accedere ai nostri profili, commentare foto o pubblicare video che possono ledere la nostra immagine e la nostra credibilità anche nel mondo reale. I “like”, gli innocenti commenti e le condivisioni accelerano e potenziano l’attività dei cyberbulli, rendendo incontrollabile la diffusione on-line di foto, parole o video.

Processo per fasi: 

Ad ogni partecipante viene dato un foglio e dei pennarelli, oltre che riviste e giornali dai quali ritagliare immagini, il primo obiettivo del gioco è quello di costruire il proprio profilo e la propria pagina, corredata di commenti,articoli, foto, ecc... Una volta terminata questa fase ciascuno, in silenzio, dotato di post-it commenta le pagine altrui innestando delle dinamiche comunicative. Nel corso dell’attività, alcuni partecipanti, a cui era stato precedentemente e segretamente assegnato uno specifico ruolo, gireranno tra le pagine facebull dei loro compagni per commentarle a seconda del compito che è stato loro assegnato.
Perché l’attività riesca è necessario che tutti i ragazzi conoscano il social network Facebook e le modalità di utilizzo. È opportuno quindi valutare attentamente il target che si intende coinvolgere. È importante anche scegliere accuratamente i soggetti a cui assegnare gli specifici ruoli a cui abbiamo sopra accennato, il ruoli possono essere assegnati per affinità fra il carattere del ruolo e della persona che lo interpreta piuttosto che per opposizione. Il debriefing si concentra su una prima analisi della propria pagina, il conduttore può chiedere ai partecipanti se sia successo qualcosa di aprticolare e se vi sia nella loro pagine qualcosa che li mette a disagio o in imbarazzo, senza forzarli a leggere ad alta voce i commenti. Il conduttore dovrà aver cura di segnalare che il comportamento delle persone poteva derivare da un ruolo che gli era stato attribuito. Segue poi lo svelamento dei ruoli e la discussione sull’esperienza al di fuori del gioco: hai mai incontrato questo ruolo/situazione, come ti sei comportato? Sei soddisfatto del comportamento che hai tenuto in quella situazione? Ecc..

Materiali e risorse: 

Fogli A4, pennarelli, riviste e giornali, forbici, colla, post-it, cartelloni

Esiti: 

Grazie alla dinamicità dell'attività e alla possibilità di dare spazio all'immaginazione, i ragazzi pur divertendosi hanno avuto occasione di ragionare insieme sulle dinamiche che si creano on-line attraverso il continuo uso dei social netowrk, e confrontarsi su opinioni a volte contrastanti in merito al disagio che tale uso può provocare sulla persona e sulle relazioni sociali. E' stato possibile così cogliere la visione che i giovani hanno in merito al web e alle relazioni on-line, ormai considerate un continuum con la vita sociale reale. A differenza delle previsioni iniziali, i giovani conoscono, chi più chi meno, le modalità di sicurezza messe a disposizione dai facebook e da altri social. Altra cosa, purtroppo, è l'attivazione effettiva di tali modalità.

Valutazione: 

Facebull è uno strumento utile e raccomandato per un'analisi approfondita del web e delle dinamiche on-line. E' un'occasione per confrontarsi con i ragazzi facendoli partecipare in modo attivo e stimolando in loro la creatività. Se proposto a gruppi molto ampi è necessaria una precedente e accurata analisi dei materiali che si hanno a disposizione e dell'organizzazione dell'attività, soprattutto in merito alle modalità con le quali i "post" possono essere "pubblicati" sulle bacheche dei propri compagni (è necessario valutare attentamente lo spazio a disposizione) e all'assegnazione dei ruoli definiti precedentemente.
Infine, è fondamentale fare in modo che ogni bacheca venga commentata.

Rating: 
0
Ancora nessun voto

Commenti

Ritratto di Maria Ancona
Inviato da Maria Ancona il

Brava!
Bel tool. Bella presentazione. Efficace. Centrato sugli obiettivi.
Molti successi!!!

Ritratto di Federica Ercoli
Inviato da Federica Ercoli il

Ti ringrazio Maria! sono contenta che il tool sia stato efficace e che ne abbiate compreso lo scopo. Con i ragazzi ha sempre dato ottimi risultati, perchè interattivo, divertente e molto utile a capire le dinamiche relazionali sui social.
Ricevere commenti positivi da altri professionisti è certamente un grande aiuto e una grande soddisfazione!
Grazie!

Condividi questo strumento con

RESPONSABILITÀ: SALTO-YOUTH EuroMed non può essere ritenuto responsabile per l'uso improprio di questi strumenti di formazione. Adeguare sempre gli strumenti di formazione al proprio scopo, al contesto, al gruppo target ed alle proprie abilità! Questi strumenti sono stati utilizzati in una varietà di formati e situazioni. Si prega di comunicare SALTO-YOUTH EuroMed qualora si dovesse conoscere l'origine dello strumento o dei diritti d’autore su questo strumento.

Toolbox Statistics

1,161

Utenti
14,879

Visite
618

Strumenti